Un grande insegnante

Correva l’anno 1978 e io frequentavo la terza media da qualche settimana, visto che eravamo in Ottobre. Eravamo poco dopo del già allora tristemente famoso sequestro Moro, e il mio amico di sempre mi chiamò dalla strada. Mi disse che nella sala comune del Municipio un tale professor Pizzolato, il famosissimo e temutissimo professore di storia e filosofia del Liceo avrebbe tenuto di lì a qualche minuto una prolusione in merito all’uccisione dell’onorevole Aldo Moro e alla barbara esecuzione della sua scorta. Una prolusione ad ingresso libero, evidentemente, e rivolta alla cittadinanza. Il mio amico mi disse anche che sarebbe stato un bene che io vi partecipassi perchè comunque sarei dovuto passare due anni dopo sotto le forche caudine di quel professore, cosa di cui all’epoca non mi rendevo conto e che avrei in seguito provato sulla mia pelle rendendola un’esperienza durissima ma indimenticabile.

La sala era piena e io non ricordo per nulla quello che il professore disse, anche perchè ero un adolescente iperormonato che, come tutti i miei coetanei, più che prestare attenzione alle conferenze, guardava le compagne di classe presenti sperando di essere notato in qualche modo.

Tuttavia ricordo un passaggio: il professore disse ad un certo punto che il crimine passa sopra le teste degli sciocchi e degli ignoranti, ma che non deve – e non può – passare sopra le teste dell’uomo colto, perchè costui ha in sè o è comunque in grado di trovare la forza di contrastare il crimine ergendosi contro di esso con la sua cultura e difendendo la povera gente.

Il discorso fece il suo effetto.

La conoscenza è l’unico strumento che può fermare il male.


Featured Posts
I post stanno per arrivare
Restate sintonizzati...
Recent Posts
Archive
Search By Tags
Non ci sono ancora tag.
Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
  • Blogger Social Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic

© 2016 by Tiziano Dall'Omo.